Salsa a Roma

L’EVOLUZIONE DELLA SALSA - Salsa a Roma

El Son de la Salsa
Scuola di Ballo
Vai ai contenuti

Menu principale:

L’EVOLUZIONE DELLA SALSA

LE DANZE CARAIBICHE
Altre teorie sulle origini della Salsa la vogliono come la sintesi di ritmi a lei precedenti, come il son,
la rumba, il mambo, la guaracha. Nella tradizione cubana viene considerata come un rituale di
galanteria e corteggiamento in musica. Per altri la Salsa evidenzia il suo carattere tribale nella sua
essenza più antica. Essa, infatti discende originariamente dalla tradizione africana, già ampiamente
delineata nei paragrafi del capitolo precedente. Si sostiene in sintesi che le prime forme di clave
siano già presenti nel continente nero e che la sua forma più tradizionale si crea in Africa.
Dall'incontro successivo di tradizioni e culture diverse (africane da una parte ed ispano-europee
dall'altra), approdano nel continente americano strumenti, ritmi, canti, religioni, culti. Le linee
fondamentali della melodia e dell'armonia europea furono rapidamente integrate nei ritmi arrivati
dall'Africa, in una terra fertile e creativa come quella caraibica, trovando in Cuba il centro di
confluenza e d'interazione.
Mentre alcuni ritmi come la Conga, la Rumba, il Guaguancó, lo jambù la Columbia, rimasero
attinenti ad una sonorità africana, il Danzón si può considerare il primo prodotto dell'isola non più
africano e nemmeno europeo, ma ibrido nato dall'incontro della contraddanza francese con i ritmi
africani.
Alla proclamazione dell'indipendenza di Cuba nel 1901, restrizioni mai prima imposte vennero
applicate nell'ambito socio- culturale, tra cui quella di suonare i tamburi di provenienza africana.
Questo provocò la nascita di formazioni vocali chiamate Coros de Clave, diffondendo la vocalità e
testi per canzoni. Queste nuove tendenze si spostarono dalle campagne verso le città ed intanto
prendeva sempre più piede una nuova forma musicale: el son. Il Son combina una parte lirica che
espone un "tema" con una parte ritmica (il montuno).
Una terza interpretazione considera deleterio porsi il problema dell'origine della Salsa, dal momento
in cui questa semplice parola nacque come termine commerciale, sviluppatesi negli Stati Uniti per
inglobare i diversi ritmi musicali caraibici e in senso lato, latino-americani, uniti ad una base
comune: la clave.
Come è accaduto al Mambo, alla Rumba e alla maggior parte dei ritmi latini, anche la Salsa ha presto
varcato i confini cubani per approdare degli Stati Uniti. Qui, intorno agli anni Settanta, grazie
all'interazione con altre culture musicali, nasce e si sviluppa la Salsa Metropolitana. Vivace e
fantasiosa, meno aristocratica e più vicina alla dura realtà del Barrio, il Quartiere Latino di New
York. Questa città diventa terreno fertile per la sua trasformazione, punto di riferimento per artisti
latino-americani di diverse provenienze. Nei ghetti delle grandi città americane l'emarginazione, la
povertà e la lotta quotidiana per la sopravvivenza mettono a dura prova gli immigrati, che hanno
lasciato la loro terra per cercare fortuna nell'Eldorado americano.
Il Barrio è popolato da portoghesi, venezuelani, cubani, uruguaiani, colombiani e portoricani, una
miriade di culture diverse, ricche di storia e tradizioni musicali. Il Son Cubano trova terreno fertile
nella sua metamorfosi e s'incontra con altrettanti ibridi quali il Jazz, il Rhythm'n'blues, la cumbia e la
sorella Rumba. Tra i seguaci della teoria che rivendica la nascita di questo glorioso ballo, sono i
portoricani, di Puerto Rico, colonia americana, isola indipendente, che a differenza di Cuba, vittima
dell'embargo economico, riuscì negli ultimi trent'anni a sviluppare ed incrementare con nuovi
elementi questo nuovo e frizzante ritmo musicale
chiamato Salsa. Di contro, si afferma, Cuba rimase legata alle sue tradizioni popolari.
Oggi è possibile dire che ciononostante Cuba, pur pressata da ristrettezze economiche e
dall'isolamento, non fu certo ignara alle novità, e meno che mai quelle provenienti dalle culture
musicali alternative come l'Hip Hop. Da qualche anno siamo coscienti che un nuovo genere musicale
(danzante?) è nato a Cuba, frutto dalla mescolanza della tradizione afrocubana con gli umori
metropolitani, Jazz e Hip Hop, che prende il nome di Timba.
Puerto Rico fu sicuramente avvantaggiata dall'aiuto delle case discografiche americane che fecero da
trampolino di lancio per la musica portoriqueña. La produzione musicale della ”isla del encanto”
s'incrementò, migliorandosi, diventando culla per la nascita di grandi artisti ed orchestre come "El
Gran Combo de Puerto Rico". Ma risalendo alle origini dei gruppi musicali storici della Salsa, non
possiamo fare a meno di nominare la grandiosa "Fania All Stars", ideata dal flautista Jhonny Pacheco,
che riuscì a farsi finanziare il progetto di assemblare una orchestra formata dai grandi della musica
latina come Tito Puente, Celia Cruz, Roberto Roena, Papo Luca, Ray Barreto, Ruben Blades, Roberto
Rodriguez e Willy Colón.
In pochi anni il fenomeno Salsa esplose in tutto il mondo, con grande attenzione da parte delle case
discografiche americane.
Gli addetti ai lavori si ritrovarono in mano un prodotto di grande commerciabilità, privo di nome.
Non si poteva chiamarlo Son, perché facilmente confuso con la parola di origine inglese sound, così
qualcuno pensò di utilizzare una parola che fosse al tempo stesso facile da ricordare e sinonimo di
miscela, come appunto il termine Salsa.
Robert Palmer, critico musicale del New York Times, conoscitore dell'universo musicale americano,
afferma che, nonostante la fusione di differenti elementi musicali, negli Stati Uniti d'America i
bianchi ballavano e ascoltavano Rock, i neri suonavano il Blues, mantenendo viva la segregazione
razziale; nel Barrio invece, la Salsa è motivo di unione, luogo in cui si fondono culture diverse senza
alcuna distinzione di razza e di provenienza.
Tito Puente, grande timbalero della Fania All Stars, e per certi versi creatore della Salsa, era
fortemente contrario al termine "salsa", sostenendo che questa parola è stata "inventata chi "vende"
musica, con l'intento di creare etichette a tutti i costi: "La salsa si mangia, non si suona" afferma.
Al di là di tutto, una cosa è certa, il segreto di questo ritmo sta proprio nella sua universalità, nelle
infinite definizioni possibili che potrebbe acquisire. Salsa vuole dire ritmo, passione, calore, ballo,
comunicazione, ma anche critica, politica, avanguardia, contaminazione, espressione di molteplici
linguaggi, perché, nella lunga storia della musica latino-americana, il rapporto tra pensiero e fisicità,
tra impegno e divertimento, è stato strettissimo, tutto riunitosi in un unico universo, quello Salsero.
ElsondelaSalsa
Torna ai contenuti | Torna al menu