Salsa a Roma

LE ORIGINI AFRICANE - Salsa a Roma

El Son de la Salsa
Scuola di Ballo
Vai ai contenuti

Menu principale:

LE ORIGINI AFRICANE

LE DANZE CARAIBICHE
La scomparsa delle popolazioni indie nei primi decenni della conquista e della colonizzazione portò gli spagnoli ad inserire nell'isola come nuova forza lavoro gli schiavi africani. All'interno dei gruppi etnici africani che popolarono il territorio cubano, le etnie Yoruba e quella dell'area linguistica denominata Bantù ebbero la maggiore diffusione. La religione e le credenze portate da queste popolazioni africane arricchirono il bagaglio artistico di tutta la regione. Ancora adesso troviamo con frequenza forme di canti, ritmi, balli e persino l'utilizzazione degli stessi strumenti musicali, nella stessa forma di quando arrivarono dal continente africano centinaia di anni fa. La musica di origine Yoruba, in linea generale, si trova maggiormente conservata nella regione occidentale di Cuba, fondamentalmente nelle città dell'Avana e Matanzas. Uno dei fattori fondamentali di questa conservazione è dovuto alla possibilità di perpetrare le tradizioni originarie durante la schiavitù, concessa dai dominatori spagnoli. Tale processo fece sì che schiavi e neri liberati, appartenenti ad una stessa nazione o etnia, potessero raggrupparsi in confraternite che avevano la forma di società di soccorso: los cabildos. In alcune città cubane queste confraternite ebbero la possibilità di realizzare preghiere collettive, feste religiose ed altre attività che permisero d'incorporare la musica portata dalla terra di origine. Un esempio significativo è il festeggiamento dell'Epifania di Cristo, celebrato il 6 gennaio con sfilate e processioni. In questo giorno i membri de los Cabildos uscivano per strada travestendosi con maschere, per ballare e suonare, sfilando con stendardi e bandiere. Le immagini delle loro divinità africane venivano mascherate sotto le sembianze dei santi cristiani.
ElsondelaSalsa
Torna ai contenuti | Torna al menu